Interviews

Bzup.it

By January 30, 2016 No Comments

Castle of Fear: un festival Heavy Rock a Prato Isarco

Se quando annuisci scuoti la testa su e giù pesantemente e più volte facendo pure roteare i tuoi lunghi capelli per aria…
Se quando ti piace qualcosa fai le corna con la mano anche se si trattava della messa domenicale del parroco di quartiere…
Se quando ti chiedono se credi in Dio rispondi: “Si, ma anche Ozzy spacca!”
Se sei uno di quelli a cui piace il metallo e non sei un fabbro…

…allora non potrai perderti “Castle of Fear”, l’Heavy Rock Festival che si terrà questo sabato 22 agosto 2015 al Gasthof Schlosshof di Prato Isarco.
Ore e ore di musica heavy metal, hard rock e punk con i migliori gruppi locali del genere, da gustare nello splendido giardino interno di questo hotel risalente al XIX secolo.
Vi siederete a gustare una buona birra con un buon tagliere di speck (o un piatto di costine!) oppure piazzerete la vostra tenda sul prato (si, si può!)?

A voi la scelta. Ciò che è certo è che, sperando nel tempo, le band che si alterneranno sotto al castello che da il nome al locale regaleranno davvero delle intense ore di musica.

Partiamo dagli Anguish Force, heavy metal band locale attiva da ben 20 anni e molto conosciuta soprattutto fra gli appassionati del genere. L’organizzazione dell’evento è loro, alla pari di altri come l’Atzwang Metal Fest, ma si distacca da quest’ultimo perchè mescola l’Heavy Metal classico all’Hard Rock e al Punk. Abbiamo fatto alcune domande Luigi Guarino (LGD), chitarrista della storica band.

E’ la prima volta che viene fatto questo festival, intendete riproporlo anche i prossimi anni in caso di esito positivo?

Speriamo sia la prima di una lunga serie. Dipende dal feedback del pubblico ma specialmente dalle condizioni atmosferiche. Sarebbe bello riproporlo. Il Biergarten sembra un luogo fatto appositamente per fare festival di medie dimensioni come quelli che organizziamo noi.

Avete già delle idee per altri eventi simili?

Il Castle of Fear può solo svolgersi allo Schlosshof perchè quello che vedete sul manifesto è appunto il castello che troneggerà sopra l’evento. Siamo sempre disponibili ad organizzare eventi di musica pesante e cerchiamo di metterci nei panni dei ragazzi che magari non hanno molta disponibilità economica facendo degli ingressi gratuiti. Se un domani dovessimo avere altre sponsorizzazioni sarebbe un piacere e un onore avere band di livello ancora più alto. I nostri festival sono interamente organizzati da noi Anguish Force e per quanto disponibili e volenterosi abbiamo anche noi i nostri limiti…

Headliner della giornata a Prato Isarco, gli Anguish Force sono nati a Campodazzo, ma sono andati ben oltre le frontiere regionali. Qual’è il posto più lontano in cui avete suonato?

Abbiamo suonato in Germania, mentre in Italia ci siamo spostati fino in Toscana suonando spesso tra il Veneto, la Lombardia e il Piemonte.

E il più importante?

Il concerto più importante è quello a cui dobbiamo ancora partecipare perchè ovunque ti trovi devi sempre dare il massimo come se fosse l’unico concerto della tua vita. Comunque fa piacere ricordare di aver suonato con professionisti di prima scelta come Rage, Blaze Bayley (ex Iron Maiden), Primal Fear, Sepultura, L.A. Guns, Extrema, Bonfire e tanti altri.

Siete in attività da 20 anni! Come è cambiato il panorama musicale qui in Alto Adige? Ci sono più possibilità di suonare ora?

Il panorama purtroppo non è più lo stesso. Gli anni ’80 sono sempre più lontani anche se per quanto riguarda la nostra musica non cambieremo mai di una virgola il nostro stile. Detto questo, fa piacere constatare che i 3 gruppi storici dell’Heavy Metal altoatesino continuino a fare musica (Skanners, Feline Melinda e Anguish Force). Poi ci sono i gruppi Punk come i Wc, pure loro ormai veterani e pochi altri. Il resto è composto da bands molto più giovani che solo il tempo saprà dirci quanto realmente credevano nella loro proposta. Certamente oggi è più facile avere una band o presunta tale usando Facebook, Youtube o artefatti dl genere, mostrando una realtà che tale non è. Ti fai una foto, crei un logo, rubi qualche riff qua e là ed ecco una band “apparentemente” perfetta. Se hai qualche Euro in tasca il trucco riesce ancora meglio… Una volta invece dovevi farti le ossa da solo e ricevere dozzine di porte (reali) in faccia prima di ottenere qualcosa. Ma è la vita e i tempi cambiano.
Per quanto riguarda il suonare dal vivo, sarebbe bello se le istituzioni mettessero qualche locale a disposizione dando la possibilità a chi organizza di fare al meglio il proprio lavoro. Sarebbe tutto un pò più semplice…

Siete anche una band molto prolifica. L’ultimo EP è uscito quest’anno, a quando un nuovo album?

Penso che la prolificità non sia una scelta ma un credere in se stessi, senza però montarsi la testa… Un album deve essere fatto solo se ci sono le idee sennò è meglio fermarsi e attendere senza fretta di avere l’ispirazione. Non è un obbligo e neanche una competizione. Non sono mai stato per gli album studiati troppo a tavolino. Dopo il nostro sesto album regolare “Sea Eternally Infested” doveva uscire solo il vinile a tiratura limitata “The Bermuda’s Triangle” ma con l’entrata di Kinnall (voce) in formazione volevamo fare qualcosa che gli permettesse di integrarsi appieno. Quindi è uscito anche il singolo “Shark Attack”. La vera prova del nove per questa line-up sarà il settimo album che presto cominceremo a registrare. La band è unita come mai prima d’ora. Prima sembrava composta per metà da turnisti mentre ora si va tutti nella stessa direzione, nella buona e nella cattiva sorte.

E se voglio ascoltare qualche vostra traccia dove vado?

Sul nostro sito (www.anguishforce.com) puoi ascoltare alcuni brani tramite Soundcloud oppure Reverbnation pezzi vecchi e nuovi. Su Youtube sono presenti almeno un centinaio tra video ufficiali e amatoriali. Su altri canali internet ufficiali e non, dal Giappone agli States, trovi un sacco di materiale che ci riguarda.

Ovviamente gli Anguish Force non saranno soli! Ci saranno i WC, band punk rock/folk punk di Fiè; i Cleavage, cover band bolzanina di genere glam metal/hard rock; gli Helden der Zeit, band rock/punk di Lana; e i viennesi Roadwolf, heavy rock/heavy metal.

L’inizio è previsto per le 15.00, ma la prima band inizierà a suonare alle 19.00 (salvo aggiunte dell’ultimo minuto!). Ecco la scaletta:

19.00 – 19.40 – HELDEN DER ZEIT
20.00 – 20.40 – CLEAVAGE
21.00 – 21.40 – WC
22.00 – 22.40 – ROADWOLF
23.00 – 23.50 – ANGUISH FORCE

E voi parteciperete? Vi sentite abbastanza hard rock?